Venti di guerra al confine ucraino: la NATO invia truppe in Europa orientale

martedì 1 febbraio 2022

Truppe NATO schierate in Lituania.

La NATO sta mobilitando truppe, aerei da guerra e navi in Europa orientale, mentre le tensioni con la Russia si intensificano per il dispiegamento da parte di Mosca di più di 100 000 truppe al confine con l'Ucraina. L'Occidente teme un'imminente invasione russa, che il Cremlino nega.

Quattro jet da combattimento F-16 danesi sono atterrati in Lituania la scorsa settimana per rafforzare la missione di sorveglianza aerea della NATO nel Baltico. Da quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, la NATO ha schierato tra 4 000 e 5 000 soldati in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia in quello che l'alleanza chiama una "presenza avanzata rafforzata".

Agli F-16 danesi si devono aggiungere gli 8 500 soldati che gli USA hanno in stand by e le truppe francesi che Macron intende schierare in Romania, come annunciato dal ministro della difesa francese Florence Parly durante una visita di stato a Bucarest il 27 gennaio. Anche la Spagna, i Paesi Bassi e la Germania hanno in piano di inviare truppe, aerei e navi da guerra per rafforzare la presenza alleata in Europa dell'est.

Il Regno Unito ha fornito circa 2 000 armi anticarro all'Ucraina e dovrebbe inviare ulteriori truppe nei prossimi giorni, potenzialmente raddoppiando il suo attuale impegno di circa 1 150 soldati. Il primo ministro Boris Johnson dovrebbe visitare l'Ucraina questa settimana e tenere colloqui al telefono con il presidente russo Vladimir Putin.

L'Italia è pronta a partecipare con 200 Alpini attualmente di stanza nelle foreste di confine della Lettonia e con il sostegno economico allo spiegamento di forze dell'Alleanza Atlantica.

La Russia ha circa 100 000 truppe schierate vicino al confine ucraino. Altre migliaia sono arrivate in Bielorussia per esercitazioni militari congiunte questa settimana. Polonia, Lettonia e Lituania, sono paesi alleati della NATO e lo spiegamento di forze Russo è visto come una minaccia da Evelyn N. Farkas, ex vicesegretario della difesa degli Stati Uniti per la Russia, l'Ucraina e l'Eurasia.

Tuttavia, la NATO non ha intenzione di schierare truppe da combattimento in Ucraina, nota l'analista di sicurezza Julie Norman dello University College di Londra in un'intervista a VOA. Lo spiegamento di forze della NATO in Europa orientale potrebbe aumentare le tensioni con il presidente della Russia, ma il suo obiettivo è di agire da deterrente e da linea di difesa, piuttosto che per essere schierate in un conflitto diretto, ha spiegato Norman mentre gli stati maggiori di tutti i paesi della NATO sono in uno stato di allerta.

FontiModifica