Turchia-Grecia: sisma, sale il bilancio dei morti

sabato 31 ottobre 2020

Una veduta di Smirne, la città più colpita dal terremoto.

Ieri 30 ottobre un sisma nel Mar Egeo ha provocato danni, feriti e morti in Turchia e Grecia.

Dibattuta la forza del terremoto: secondo le autorità turche la magnitudo sarebbe di 6,6 sulla scala Richter, secondo un istituto statunitense sarebbe invece di 7. Ad ogni modo l'evento è occorso nell'area di Smirne (Izmir) e ha scatenato un discreto tsumani che ha allagato la città turca e l'isola greca di Samos - in quest'ultima uccidendo due studenti per il crollo di un muro. Le vittime turche sono finora 25, facendo salire il bilancio totale a 27 morti e oltre 800 feriti, mentre si scava ancora a mani nude tra le macerie.

La tragedia ha suscitato una distensione nei tesi rapporti tra i due Paesi, che per voce del presidente Erdogan e del primo ministro Mitsotakis si sono ripromessi un aiuto reciproco per riprendersi dai postumi del terremoto.

FontiModifica