Tour de France 2010: seconda tappa e maglia gialla a Sylvain Chavanel

Spa, lunedì 5 luglio 2010
Dopo una fuga di 190 chilometri il francese Sylvain Chavanel, in forza alla Quick Step, si è aggiudicato oggi la seconda tappa in linea del Tour de France 2010, 201 km da Bruxelles a Spa, in Belgio, andando a prendersi anche la leadership nella classifica generale. Numerose le cadute sotto la pioggia, una delle quali, a 30 chilometri dal traguardo, ha inizialmente spaccato il gruppo in diversi tronconi. Solitario all'arrivo, Chavanel ha preceduto di 3'56" il peloton giunto compatto su decisione dell'ormai ex maglia gialla Fabian Cancellara.

Sylvain Chavanel, autore di una fuga lunga 190 km, si è preso oggi tappa e maglia gialla

ResocontoModifica

La frazione prende il via alle ore 12:15 da Bruxelles. La tappa, in territorio vallone, in parte sulle strade della Liegi-Bastogne-Liegi, presenta un percorso leggermente collinare nella prima parte, con tre gran premi della montagna di quarta categoria; negli ultimi 40 chilometri circa sono invece posizionati tre gran premi della montagna di terza categoria: al km 161,5 la Côte d'Aisomont (pendenze del 5% per 4,5 km), al km 167.5 il Col de Stockeu (3 km al 6%) e al km 189 il Col du Rosier (6,4 km al 4%).

Già dopo undici chilometri di corsa Sylvain Chavanel si fa promotore di una fuga insieme ad altri sette corridori: i belgi Jürgen Roelandts, l'australiano Matthew Lloyd (maglia verde al Giro d'Italia 2010), gli altri due francesi Jérôme Pineau e Sébastien Turgot, l'estone Rein Taaramae, l'italiano Francesco Gavazzi e il tedesco Marcus Burghardt. Gli otto giungono ad avere un vantaggio massimo di 4 minuti e 50 secondi (all'incirca dopo 50 chilometri): la loro fuga caratterizza gran parte della frazione, corsa sotto la pioggia.

Ai 55 chilometri dall'arrivo una caduta coinvolge tra gli altri Julian Dean, Jurgen Van Den Broeck e Martin Elmiger; il francese Mickaël Délage, anch'egli vittima, è costretto al ritiro. Ai meno 40 il gruppo, che ormai è già a 38 secondi dalla testa della corsa, riassorbe Lloyd e Turgot; vengono quindi ripresi anche Taaramae, Burghardt e Pineau. Dallo stesso gruppone esce intanto il belga Maxime Monfort, quando davanti sono rimasti ormai i soli Chavanel, Roelandts e, un po' staccato, Gavazzi. Sembra che la fuga non possa assolutamente andare in porto, ma sulla discesa del Col de Stockeu ecco il colpo di scena.

Scivola Gavazzi (quasi investito da una moto della regia), e insieme a lui parte del gruppo che stava inseguendo a meno di venti secondi: tra gli altri, Andy Schleck, Fränk Schleck, Damiano Cunego, Alessandro Petacchi. Il gruppo è disintegrato, all'inseguimento dei fuggitivi c'è solo Cancellara con pochi altri, impegnati però più che altro a guardarsi indietro e decidere sul da farsi. Ai 25 dal traguardo Chavanel e Roelandts, ancora appaiati, hanno 1'43" sulla maglia gialla, mentre dietro ad inseguire si sono formati tre gruppi principali, il primo con Cancellara, la maglia bianca Tony Martin, Cadel Evans e un'altra trentina di ciclisti, il secondo con Lance Armstrong, Ivan Basso, Alberto Contador e i loro gregari, il terzo con i fratelli Schleck, peraltro compagni di Cancellara al Team Saxo Bank.

Mentre Chavanel stacca Roelandts (e Monfort li segue), più indietro lo svizzero leader della generale decide di rallentare il proprio gruppo per permettere il rientro prima del plotoncino con Armstrong e Contador, e poi di quello dei suoi due compagni di squadra (nonché capitani). Il gruppo così compatto, ripreso ai meno 10 il fuggitivo Roelandts, ormai stanchissimo, procede compatto e a rilento fino all'arrivo. Chavanel intanto dà tutto per ottenere il successo, riuscendo così a giungere a braccia levate sul traguardo di Spa. nell'ultimo chilometro, riagguantato pure Monfort, il gruppo taglia compatto il traguardo. Secondo, per la cronaca, è l'altro francese Maxime Bouet.

In virtù del vantaggio accumulato dal vincitore di tappa su Cancellara, il simbolo del primato passa oggi sulle spalle di Chavanel, primo ciclista francese a vestirla addirittura dalla prima settimana dell'edizione 2008, quando a tenerla, per un solo giorno, fu Romain Feillu. Nuova maglia verde è lo stesso Chavanel, a cui viene attribuito anche il Premio combattività di giornata (numero rosso). Assegnata anche la prima maglia a pois, che va a Jérôme Pineau, primo a passare sulla Côte d'Aisomont.

Domani l'attesissima tappa con partenza da Wanze, ma soprattutto il pavé e l'arrivo all'inizio della foresta di Arenberg, uno dei passaggi classici della mitica Parigi-Roubaix.

RisultatiModifica

Classifica di tappaModifica

Bruxelles > Spa – 201 km
# Corridore Squadra Tempo
1   Sylvain Chavanel   Quick Step 4h40'48"
2   Maxime Bouet   AG2R La M. a 3'56"
3   Fabian Wegmann   Milram s.t.
4   Robbie McEwen   Katusha s.t.
5   Christian Knees   Milram s.t.
6   Jürgen Roelandts   Omega Pharma s.t.
7   Thor Hushovd   Cervélo s.t.
8   Linus Gerdemann   Milram s.t.
9   Matthieu Ladagnous   FDJ s.t.
10   Bernhard Eisel   HTC-Columbia s.t.

Classifica generale - Maglia giallaModifica

# Corridore Squadra Tempo
1   Sylvain Chavanel   Quick Step 10h01'25"
2   Fabian Cancellara   Saxo Bank a 2'57"
3   Tony Martin   HTC-Columbia a 3'07"
4   David Millar   Garmin a 3'17"
5   Lance Armstrong   RadioShack a 3'19"
6   Geraint Thomas   Sky a 3'20"
7   Alberto Contador   Astana a 3'24"
8   Levi Leipheimer   RadioShack a 3'25"
9   Tyler Farrar   Garmin a 3'25"
10   Edvald Boasson Hagen   Sky a 3'29"

Classifica a punti - Maglia verdeModifica

# Corridore Squadra Punti
1   Sylvain Chavanel   Quick Step 44
1   Alessandro Petacchi   Lampre 35
3   Jürgen Roelandts   Omega Pharma 34
4   Mark Renshaw   HTC-Columbia 30
5   Thor Hushovd   Cervélo 26

Classifica squadre - Numero gialloModifica

# Squadra Tempo
1   Quick Step 30h11'40
2   Team RadioShack a 2'51"
3   Team HTC-Columbia a 2'52"
4   Garmin-Transitions a 2'53"
5   Team Sky a 3'07"

Classifica scalatori - Maglia a poisModifica

# Corridore Squadra Tempo
1   Jérôme Pineau   Quick Step 13
2   Sylvain Chavanel   Quick Step 8
3   Rein Taaramae   Cofidis 8
5   Maxime Monfort   HTC-Columbia 5
4   Matthew Lloyd   Omega Pharma 4

Classifica giovani - Maglia biancaModifica

# Corridore Squadra Tempo
1   Tony Martin   HTC-Columbia 10h04'32"
2   Geraint Thomas   Sky a 13"
3   Edvald Boasson Hagen   Sky a 22"
5   Roman Kreuziger   Liquigas a 28"
4   Kristjan Koren   Liquigas a 32"

Premio combattività - Numero rossoModifica

# Corridore Squadra Tempo
1   Sylvain Chavanel   Quick Step

FontiModifica