Pakistan, aereo si schianta a Karachi con oltre 90 passeggeri

venerdì 22 maggio 2020

L'Airbus A320 della Pakistan International Airlines coinvolto nell'incidente
Fumo proveniente dallo schianto dell'aereo

Secondo quanto riportato da Ani, un aereo della Pakistan International Airlines in volo da Lahore è precipitato a Karachi, nei pressi dell'aeroporto. A bordo erano presenti 99 persone, di cui 91 passeggeri e 8 membri dell'equipaggio. Il volo, un Airbus A320, era diretto a Karachi, ed è precipitato pochi minuti prima dell'atterraggio sulla zona residenziale di Jinnah Ground. Secondo i filmati, diverse abitazioni sono state colpite dallo schianto.

Abdul Sattar Khokhar, portavoce dell'Authority dell'aeronautica del Pakistan, ha confermato lo schianto, dichiarando: «Stiamo cercando di confermare il numero di passeggeri, ma si parla di 99 passeggeri e otto membri dell'equipaggio». Inoltre, pare che la torre di controllo abbia perso comunicazioni con il velivolo pochi minuti prima dello schianto.

[EN]
« A Pakistan International Airlines flight from LHE-KHI has #crashed in a residential area. Initial reports 95 souls were on board »
[IT]
« Un aereo della Pakistan International Airlines da LHE-KHI si è schiantato in una zona residenziale. I primi rapporti riportano 95 persone a bordo. »
(Tweet di Ovais Jafar (@ovaisjafar), giornalista pakistano)

La scatola nera del velivolo è stata recuperata. Secondo il sito locale Dunya News, nell'ultimo collegamento con la torre di controllo il pilota avrebbe detto di «aver perso due motori» alla torre di controllo, seguendo con «Mayday, Mayday, Mayday». Alcuni testimoni oculari hanno dichiarato di aver visto l'aereo provare ad atterrare due o tre volte prima di schiantarsi.

Wasim Akhtar, sindaco di Karachi, ha dichiarato la morte di tutte le persone a bordo; a loro si aggiungono altre 37 persone confermate dalle autorità sanitarie, senza però specificare se si tratti di cittadini o passeggeri. I dati sui sopravvissuti sono incerti, ma dovrebbero essere almeno due, secondo la BBC.

FontiModifica