Israele: via libera al nuovo governo

giovedì 7 maggio 2020 Nonostante i dubbi e le proteste, tra ieri e oggi sia la Corte suprema che lo Knesset (il parlamento israeliano) hanno dato il proprio via libera alla formazione del governo di unità nazionale formato dall'attuale primo ministro Benjamin Netanyahu e dal rivale Benny Gantz. La formazione di questo governo era già stata annunciata negli ultimi giorni di aprile, in risposta alla pandemia di COVID-19 e in seguito al "deludente" risultato delle ultime tre elezioni tenute nel paese (aprile 2019, settembre 2019 e marzo 2020) ma era stata contestata da diverse organizzazioni.

I detrattori di questo accordo sostengono infatti che Netanyahu non debba rimanere al potere, considerando il rinvio a giudizio per corruzione, frode e abuso d'ufficio, anche se il processo che lo vede incriminato è stato rimandato a data da destinarsi. È infatti accertato che almeno per i primi 18 mesi sarà proprio Netanyahu a continuare a ricoprire il ruolo di Primo ministro (la suddivisione del governo è stata riportata in questo articolo) avendo quindi autorità anche sulle principali cariche giudiziarie del paese. Al termine dei 18 mesi gli subentrerà Gantz, attualmente presidente del Parlamento.

Articoli correlatiModifica

FontiModifica

Wikipedia ha una voce su Benjamin Netanyahu.

Wikipedia ha una voce su Benny Gantz.