Intervista a Virgilio Ilari

 
Wikipedia20 custom mark.svg

Intervista per i 20 anni di Wikipedia, l'enciclopedia libera


Wikimedia-logo.svg Questo articolo cita la Wikimedia Foundation o uno dei suoi progetti o persone ad essi legati. Vi informiamo che Wikinotizie è un progetto della Wikimedia Foundation.

Wikinotizie per i 20 anni di Wikipedia è lieta di presentarvi un'intervista a Virgilio Ilari. Lo storico ha accolto il nostro invito a rispondere ad alcune domande, elaborate da Ferdi2005 e Bramfab, sulla sua esperienza con Wikipedia, e il suo giudizio su di essa.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgQuando Lei si è imbattuto/a per la prima volta in Wikipedia? Per quale motivo? Che impressione ne ha ricavato?

Mi sono imbattuto nel 2008 ed ero entusiasta del progetto, ma poi ho dovuto smettere per il tempo che mi costava adeguarmi alle norme grafiche e per i crescenti impegni anche coi social di condivisione scientifica (inizialmente Scribd, poi Internet Archive, Academia, ResearchGate ecc.). Io stesso ho caricato alcune voci di storia militare dell'Italia napoleonica e ho collaborato con l'amico C., responsabile del "Progetto Guerra" di wikipedia. In seguito mi è parso che wiki italiana non abbia avuto il decollo qualitativo della versione inglese. Forse perché nell'Europa latina gli accademici sono in genere prevenuti nei confronti dei ricercatori indipendenti, giudicati "amatori" o "dilettanti". Ma forse anche fra i wikipediani più attivi potrebbe a volte esservi una qualche prevenzione su correzioni e lezioni occasionalmente impartite da qualche accademico.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgDopo di che, col passare degli anni, come è cambiata la sua confidenza con l'enciclopedia? È rimasta invariata o ne è diventato un utilizzatore abitudinario?

Io comunque utilizzo largamente wikipedia nella versione inglese e, se ne ho bisogno per biografie, letteratura e istituzioni tedesche, russe, polacche ecc. le wiki in queste lingue; mentre quelle italiana, francese e spagnola mi paiono in genere meno complete e non di rado tirate via. Non giova poi trovare perfino qualche voce sgrammaticata, sconclusionata ovvero copiata di sana pianta dalle corrispondenti straniere e tradotta col traduttore automatico.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgHa mai modificato delle pagine di Wikipedia o avuto la tentazione di farlo? Come è andata?

Inizialmente ho tentato un paio di volte, ma sono stato presto dissuaso.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgCome valuta l'impatto che Wikipedia ha avuto nel suo ambiente di lavoro/studio?

Complessivamente la versione italiana non viene considerata bene. Ma c'è prevenzione, del tutto ingiustificata, pure per quella inglese. Mi sorprende che i giovani studiosi che conosco non la usino come base di ricerca online, considerandola quasi infamante. Io invece la uso per la bibliografia di base sugli argomenti che non i sono familiari e debbo dire che proprio attraverso le concatenazioni intelligenti ho scoperto intere praterie di ricerca, che poi ovviamente proseguo sui google books, google images, archive.org e tutti gli altri innumerevoli siti, molti dei quali scopro proprio grazie alle versioni straniere di wikipedia. Naturalmente avviene di rado, ma a volte ho anche citato in bibliografia voci fatte talmente bene da essere vere e proprie monografie. Oltre tutto sono una miniera di immagini in grandissima parte di pubblico dominio.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgWikipedia è nata e cresciuta senza una redazione e senza direttori, in opposizione alle maggiori enciclopedie cartacee e anche all'Encyclopédie, di d'Alembert e Diderot, eppure il suo successo sembra dimostrare che questa modalità di scrivere un'enciclopedia sia quello che consenta maggiormente di raggiungere l'obiettivo di aggregare il sapere dell'umanità. Cosa ne pensa a riguardo?

Sono un sostenitore della ricerca come lavoro collettivo e non gerarchico. Ma questo non significa che "uno valga uno". Occorre fare in modo di attirare e non scoraggiare i contributi qualificati e competenti. D'altra parte occorrerebbe che anche i competenti dell'Europa latina si convertissero allo stile più aperto nella forma (e più rigoroso nella sostanza) che caratterizza mediamente la ricerca nei paesi anglofoni e da cui dipende l'importanza assunta da en.wikipedia.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgHa letto la sua biografia scritta in Wikipedia? Cosa ne pensa?

Certo che l'ho letta. Ovviamente non è stata più aggiornata da dieci anni, che poi sono stati quelli in cui credo di aver fatto le poche cose che forse giustificano il carattere "enciclopedico" (😊) della mia biografia.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgQuesta sua biografia è distribuita secondo una licenza libera che consente di riutilizzarla gratuitamente anche a scopi commerciali, cosa ne pensa? Appoggia la scelta di scrivere l'enciclopedia secondo una licenza libera o secondo lei dovrebbe essere più restrittiva?

Sono convinto dell'ideale della trasmissione gratuita della conoscenza, ma questa include la riconoscibilità degli autori e degli editori, e l'accesso gratuito non è comunque a costo zero. La stessa Wikipedia, ad esempio, pur essendo prodotta da volontari, ha comunque dei costi tecnici finanziati con le donazioni degli utenti, quindi non è del tutto gratuita. Bisogna trovare un equilibrio, calibrando meglio, ad esempio, la tutela giuridica della proprietà intellettuale, a seconda dei vari tipi di opere dell'ingegno. Alcune si tutelano meglio facilitandone la conoscibilità pratica, piuttosto che blindandole per 70 anni dalla morte dell'autore. La materia è sicuramente estremamente complessa, ma si potrebbe giungere a norme più chiare, semplici, e ispirate al fair use che possano meglio contemperare i diritti di autori ed editori con l'interesse pubblico alla condivisione scientifica e alla libertà di ricerca.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgHa mai sentito parlare dei progetti fratelli di Wikipedia, come Wikinotizie? O anche Wikisource, la libreria che si pone lo scopo di raccogliere e preservare i testi entrati nel pubblico dominio? Che cosa ne pensa a riguardo?

Wikinotizie non la conoscevo, mentre Wikisource la utilizzo. Ad es. mi è servita un paio di giorni fa per trovare in un secondo le citazioni di Leonardo Gatto Roissard nei Quaderni e in altre opere di Gramsci.