Intervista a Cristiano Dal Sasso

 
Wikipedia20 custom mark.svg

Intervista per i 20 anni di Wikipedia, l'enciclopedia libera


Wikimedia-logo.svg Questo articolo cita la Wikimedia Foundation o uno dei suoi progetti o persone ad essi legati. Vi informiamo che Wikinotizie è un progetto della Wikimedia Foundation.

Wikinotizie per i 20 anni di Wikipedia è lieta di presentarvi un'intervista a Cristiano Dal Sasso, paleontologo di fama internazionale e divulgatore scientifico, che ha accolto il nostro invito a rispondere ad alcune domande, elaborate da Ferdi2005 e Bramfab, sulla sua esperienza con Wikipedia e il suo giudizio su di essa.

Cristiano Dal Sasso ad un evento Meet the Media Guru
W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgQuando Lei si è imbattuto/a per la prima volta in Wikipedia? Per quale motivo?

Anni fa, per motivi di lavoro: cercare nomi di dinosauri e aggiornamenti sulla loro classificazione.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgChe impressione ne ha ricavato?

Era un modo molto rapido per limitare la ricerca sul web.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgDopo di che, col passare degli anni, come è cambiata la sua confidenza con l'enciclopedia? È rimasta invariata o ne è diventato un utilizzatore abitudinario?

La utilizzo spesso, avendo verificato che è sempre aggiornata e piuttosto affidabile.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgHa mai modificato delle pagine di Wikipedia o avuto la tentazione di farlo? Come è andata?

Si, lo ho fatto e lo ho trovato abbastanza facile. Tanto che spero che tutti quelli che apportano modifiche lo facciano con onestà e coscienza.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgCome valuta l'impatto che Wikipedia ha avuto nel suo ambiente di lavoro/studio?

Ha un impatto ma comunque limitato, le fonti che utilizzo sono molteplici e sono soprattutto articoli scientifici pubblicati con attente “peer review” su riviste molto specializzate…

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svg Wikipedia è nata e cresciuta senza una redazione e senza direttori, in opposizione alle maggiori enciclopedie cartacee e anche all'Encyclopédie, di d'Alembert e Diderot, eppure il suo successo sembra dimostrare che questa modalità di scrivere un'enciclopedia sia quello che consenta maggiormente di raggiungere l'obiettivo di aggregare il sapere dell'umanità. Cosa ne pensa a riguardo?

Penso che sia molto bello il fatto che tutti possano accedere liberamente a Wikipedia e contribuire alla sua continua costruzione e crescita. Lo trovo davvero “equo e solidale”. Ci vogliono però attenti controlli - e su notizie molto specifiche o che riguardano osservazioni personali dirette di chi scrive, questo a volte non è possibile.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgHa letto la sua biografia scritta in Wikipedia? Cosa ne pensa?

La ho letta e vedo con piacere che è stata ricavata da profili scritti da me stesso su altre piattaforme, come ResearchGate.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgQuesta sua biografia è distribuita secondo una licenza libera che consente di riutilizzarla gratuitamente anche a scopi commerciali, cosa ne pensa? Appoggia la scelta di scrivere l'enciclopedia secondo una licenza libera o secondo lei dovrebbe essere più restrittiva?

Sull’utilizzo commerciale ho qualche riserva, nel senso che non vorrei che il mio nome e la mia professionalità fossero usati per scopi di lucro senza che io possa darne o negarne il consenso.

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svg Cosa ne pensa di un possibile futuro senza testi cartacei, in cui la conoscenza sia trasmessa gratuitamente, soltanto digitalmente su testi liberamente modificabile?

Personalmente sono legato alla carta stampata anche affettivamente. E poi un libro te lo porti anche nel deserto o dove non c’è corrente elettrica…

W@H waves left.svgWP20W@H waves right.svgHa mai sentito parlare dei progetti fratelli di Wikipedia, come Wikinotizie? O anche Wikisource, la libreria che si pone lo scopo di raccogliere e preservare i testi entrati nel pubblico dominio? Che cosa ne pensa a riguardo?

Mi piace l’idea di Wikisource, meno quella di Wikinotizie: la trovo meno originale, col rischio che si perda nel sovraccarico di “news” di cui è piena la Rete.