Corteo NO TAV, conclusa la manifestazione, evitati gli scontri

domenica 23 ottobre 2011 Si è conclusa alle tre del pomeriggio con una dichiarazione di Alberto Perino la manifestazione NO TAV svoltasi in Val di Susa. Secondo gli organizzatori della protesta i partecipanti erano almeno 20 000. In testa al corteo erano presenti i sindaci dei paesi della valle. L'obiettivo era quello di raggiungere pacificamente la zona rossa creata dalle forze dell'ordine per tagliare le reti che la delimitavano, tale azione è stata compiuta e inoltre non sono avvenuti scontri con la polizia, come era avvenuto nelle precedenti contestazioni.

Dopo aver tagliato la recinzione che delimita la zona rossa il corteo si è diviso e qualche centinaio di manifestanti ha raggiunto la baita della Val Clarea, costruzione divenuta uno dei simboli del movimento NO TAV. All'interno della baita i manifestanti hanno fatto un'assemblea nella quale Alberto Perino, storico leader del movimento ha dichiarato:

« Credo che possiamo dirci più che soddisfatti. La manifestazione ha raggiunto gli obiettivi »

E ha aggiunto

« È andato tutto bene chi voleva che finisse male non ci è riuscito »

I manifestanti hanno quindi posto fine alla manifestazione ma hanno dichiarato che la baita verrà comunque presidiata permanentemente da un gruppo di NO TAV.

FontiModifica

Wikivoyage ha un articolo su Val di Susa.