BioWare: cosa bolle in pentola?

sabato 9 maggio 2020

È passato ormai più di un anno dalla pubblicazione di Anthem, uno dei titoli più attesi degli ultimi anni e nel quale BioWare ha impiegato il maggiore sforzo, mettendo da parte anche altri lavori. Tuttavia il videogioco non ha ottenuto il risultato sperato sia in termini di vendite che in termini di recensioni (tra un minimo di 5/10 e un massimo di 7,5/10), perciò molti si chiedono cosa farà la nota software house canadese. Essa comunque può ancora contare su due titoli di grande successo, ossia la saga di Mass Effect e quella di Dragon Age.

L'azienda è infatti al lavoro sul prossimo capitolo di Dragon Age, anche se molti fan sono in attesa del quinto capitolo di Mass Effect (che sia il seguito della trilogia originale o il sequel di Andromeda) e alcuni sperano addirittura nel ritorno di Star Wars: Knights of the Old Republic

Dragon AgeModifica

Wikipedia ha una voce su Dragon Age.

Considerato uno dei capolavori tra gli action RPG fantasy per la grande attenzione allo sviluppo della trama (modificabile anche in base alle scelte del giocatore) e dei personaggi, la saga è ambientata nel Thedas, un enorme quanto flagellato continente diviso in diverse nazioni perlopiù autonome tra le quali le più importanti sono l'Orlais, il Ferelden, il Tevinter e i Liberi Confini. I tre capitoli sono legati fra loro anche se si distanziano di alcuni anni e vedono un cambiamento nei personaggi protagonisti. L'ultimo capitolo, Dragon Age: Inquisition, parla dell'apertura di uno squarcio che mette in relazione l'Oblio, una dimensione che corrisponde grossomodo sia all'aldilà che al luogo dove si viene trasportati durante i propri sogni, e il Thedas, sviluppatosi grazie ad una colossale esplosione nella Valle delle Sacre Ceneri (in Ferelden), durante un evento di fondamentale importanza che aveva riunito le massime cariche dei Templari e dei Maghi ribelli, in guerra tra di loro e riunitisi proprio per discutere la possibilità di una pace. L'esplosione uccide tutti, lanciando il continente nel caos ma lasciando un unico sopravvissuto, "l'Inquisitore" (nel corso del gioco definito anche Araldo o Prescelto).

Non è un mistero che BioWare stia lavorando al quarto capitolo della saga, come testimoniato dal trailer pubblicato nel 2018, anche se non è chiaro a che stadio di sviluppo sia. È tuttavia possibile intuire che si approfondirà il futuro dell'Inquisizione e in particolare del ruolo dell'elfo Solas, che da semplice mago e compagno di squadra si rivelerà essere in realtà Fen'Harel, una divinità elfica ritenuta responsabile del confinamento e dell'uccisione delle altre divinità elfiche. Di questo passo, è lecito pensare che il lancio avverrà sulle console next-gen

Mass EffectModifica

Wikipedia ha una voce su Mass Effect (serie).

L'action RPG fantascientifico si sviluppa in un fantomatico futuro in cui l'umanità, grazie al ritrovamento di tecnologia avanzata su Marte, scopre l'esistenza dei portali galattici che permettono di raggiungere in poco tempo tutti i sistemi principali della Via Lattea, entrando così in contatto con svariate altre specie aliene tra cui le maggiori sono le Asari, i Turian e i Salarian. La sede del governo galattico in questo crogiolo di mondi e di specie viene posta nella Cittadella, un'enorme quanto misteriosa stazione spaziale. Il protagonista di questo gioco (di cui si può cambiare tutto, dal sesso all'aspetto fisico) è il comandante Shepard, un militare umano posto al comando della SSV Normandy, la nave più avanzata della marina spaziale umana. I principali antagonisti, nel corso della prima trilogia, sono i Razziatori, un'avanzata specie di macchine senzienti responsabile del ciclico annientamento di numerosissime specie organiche nel corso dei millenni.

Nonostante la saga principale si sia conclusa nel 2013, BioWare ha rinnovato il proprio interesse pubblicando nel 2017 il quarto capitolo, Mass Effect: Andromeda, ambientato però nella Galassia di Andromeda e con protagonista il Pioniere Scott Ryder (il personaggio femminile si chiama invece Sara). Lo spin-off mantiene un forte legame con i precedenti capitoli, mantenendo le specie aliene oltre che diversi altri elementi come la creazione di una squadra o la possibilità di operare scelte che mutino fondamentalmente lo sviluppo della trama. Il gioco ha ottenuto un discreto risultato in termini di vendite, ricevendo tuttavia alcune critiche negative.

Secondo voci di corridoio, quindi non ufficialmente confermate, Electronic Arts avrebbe intenzione di pubblicare alcune remastered in alta definizione dei suoi maggiori titoli, in vista anche della ormai prossima uscita delle console di ultima generazione, ed è probabile che tra queste figuri proprio la remastered della Mass Effect Trilogy, ossia dei primi tre capitoli della saga.

FontiModifica

Wikipedia ha una voce su BioWare.