Differenze tra le versioni di "Dopo Pompei, anche Roma fa la sua parte: crolla un muro al Pincio"

fix
m (Darth Kule ha spostato la pagina Dopo Pompei, anche Roma fa la sua parte. Crolla al Pincio a Dopo Pompei, anche Roma fa la sua parte: crolla un muro al Pincio: richiesta: https://it.wikinews.org/w/index.php?oldid=904526#Refusi_nei_titoli)
(fix)
Il sovrintendente ai Beni Culturali di Roma, [[w:Umberto Broccoli|Umberto Broccoli]], se la prende con gli eccessi del clima, l'avvicendarsi gli inverni molto piovosi e nevosi con estati infuocate, ma il vero responsabile, in questo come in altri episodi, sembra essere l'irrimediabile incuria e insensibilità dell'uomo e delle istituzioni, incapaci di proteggere, dalle ingiurie del tempo e del clima, le emergenze architettoniche che costellano gli antichi centri storici delle città.
 
Il sindaco [[w:Gianni Alemanno|Gianni Alemanno]], giunto sul posto per un sopralluogo, si è dichiarato comunque ottimista, indicando in soli 15 giorni la durata dell'intervento di messa in sicurezza e ripristino. Il danno per le casse del comune è stato da lui stimato in 300. 000 euro.
 
{{dì la tua}}
 
== Articoli correlati ==
{{wikinotizie|Pompei: sopravvissuta al Vesuvio, cade sotto l'incuria degli uomini. Crollata la Schola armaturarum|6 novembre 2010}}
 
== Fonti ==
|data = 22 agosto 2012
}}
 
{{Pubblicato}}
 
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Italia]]
[[Categoria:Roma]]
[[Categoria:Cronaca di Roma]]
[[Categoria:Scienza e tecnologia]]
[[Categoria:Architettura]]
[[Categoria:Politica e conflitti]]
[[Categoria:Politica]]
[[Categoria:Architetture di Roma]]
[[Categoria:Politica a Roma]]
[[Categoria:Disastri e incidenti]]
[[Categoria:Crolli e frane]]
[[Categoria:Gianni Alemanno]]
6 330

contributi