Differenze tra le versioni di "Scacchi: Anand conquista il quinto titolo mondiale"

m
stile
(+immagine, data corretta, pubblicato)
m (stile)
L'andamento della sfida è stato sempre in bilico. Le gare a cadenza classica sono iniziate con sei patte, ma Gelfand è riuscito a imporsi nella settima partita, rompendo le difese di Anand dopo un lungo assedio innescato da alcune imprecisioni del campione in carica, in particolare un indebolimento pedonale alla mossa 23. Anand è però riuscito a riportarsi in parità alla partita successiva: lo sfidante non si è accorto di un tranello teso dal suo avversario e si è fatto intrappolare la Donna, abbandonando alla 17ª mossa appena (record per la partita più breve in un campionato del mondo).
 
Nelle successive partite a cadenza classica, nessuno dei contendenti è riuscito a conseguireottenere unaltre vantaggio decisivovittorie e si sono resi necessari gli spareggi a ritmo rapid. Il secondo di questi è risultato decisivocruciale: Anand ha conseguito un vantaggio nel mediogioco ed è entrato nel finale con un pedone di vantaggio. La difesa di Gelfand è stata tenace, e l'israeliano è riuscito ad arrivare a una configurazione teoricamente patta. Pressato però dal tempo, lo sfidante ha commesso una piccola imprecisione che Anand ha sfruttato per portarsi in posizione vinta, chiudendo la partita dopo 77 mosse.
 
A questo punto, Gelfand era costretto a vincere una delle successive due partite per prolungare la serie di spareggi. Nel terzo incontro, l'israeliano ha sfruttato una serie di errori di Anand e si è portato in una situazione di netta superiorità, ma ha sorpendentemente mancato la combinazione di mosse vincente e ha sciupato il vantaggio: la gara è finita patta. Nella partita finale, la difesa di Anand è stata invece solida: l'indiano ha così condotto la partita in parità e si è aggiudicato il campionato.
4

contributi