Roma, mostra: Paolo Salvati e l'Espressionismo tra colore e sapore

lunedì 11 luglio 2016

Mostra a Palazzo Valentini, Roma 7 luglio 2016 - L'Espressionismo tra colore e sapore, Paolo Salvati 1939 - 2014

"L'Espressionismo tra colore e sapore, Vita e Opera di Paolo Salvati 1939-2014", la mostra si è tenuta a Roma giovedì 7 luglio, presso la Sala Di Liegro di Palazzo Valentini, ha ricevuto il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT), della Regione Lazio e di Roma Capitale.

L'appuntamento è stato dedicato ad un grande artista e cittadino romano, esattamente a due anni dalla morte di Paolo Salvati, attraverso l'esposizione di tre dipinti significativi per la storia dell'arte moderna e contemporanea come la "Pietra blu" del 1973, "Albero blu" del 1982 e "Isabò" del 2010.

Le tematiche delle opere esposte sono il peso dell'esistenza per il dipinto "Pietra blu" e la speranza per il dipinto "Albero blu", nel dipinto intitolato "Isabò" una confessione di arte nel volto della donna, quest'ultima opera appartiene ad una collezione dedicata a bottiglie d'autore.

Il percorso artistico di Paolo Salvati è caratterizzato da una straordinaria diversità di moduli espressivi che spaziano dalla pittura espressionista al ritratto, dal restauro alla liuteria. Si è ispirato a Lorrain, Poussin, Turner, Lautrec, Monet e Van Gogh, pur mantenendo la sensibilità di un artista che si sente figlio del proprio tempo, scevro da formalismi accademici.

Wikiquote

Wikiquote ha una voce su Paolo Salvati.

FontiModifica

Collegamenti esterniModifica