Concorrenza delle imprese di trasporto persone dell'est Europa: polemiche e controlli

lunedì 20 gennaio 2020
Le imprese italiane di autoservizi, soprattutto quelle del nord-est asseriscono che i vettori dell'est Europa, sfruttano la normativa sulla libera circolazione dei servizi, imposta dall'Unione, senza però rispettarne gli obblighi nella loro interezza e in tal modo riescono ad offrire a prezzi concorrenziali noleggi di pullman, in particolare alle agenzie specializzate nel settore dei tour di turisti asiatici.

Il timore è che si ripeta quanto accade nel settore gemello del trasporto merci dove ormai la maggior parte del parco di veicoli industriali circolanti in Europa è immatricolato in paesi dell'ex blocco di Varsavia.

La guardia di finanza è intervenuta nei mesi scorsi irrogando sanzioni per importi di decine di migliaia di euro complessivi per violazioni dei regolamento europeo.

FontiModifica